Prima lo tagliano e poi lo riallungano (per poi chiuderlo) – PD, ospedale, Chiaravalle

Standard

Ospedale M.Montessori

Ospedale M.Montessori

No, non si parla di cose sconce, ma dell’orario di apertura del punto di primo intervento (ppi) dell’ospedale di Chiaravalle passato negli ultimi due anni prima da 24 a 12 ore, poi da 12 a 6 e – apparentemente da ieri – da 6 di nuovo a 12.
Comune denominatore della faccenda? A tagliare per due volte l’orario di apertura per poi allungarlo – pretendendo anche di fare la figura dell’eroe – è sempre stato il PD regionale.

Leggo sul Corriere Adriatico del 15/05/2016 un articolo (a firma del mio collega Gianluca Fenucci) in cui il segretario del PD di Chiaravalle, Giovanni Brandoni (già ex amministratore ed assessore nelle precedenti due giunte Montali dal 2003 al 2012, anno del commissariamento, nonché perdente contro l’attuale Sindaco Costantini nelle primarie del 2013), si vanta dell’impegno profuso dal PD regionale “per ripristinare la situazione del pronto soccorso”.

Siccome la “situazione” è stata creata dagli stessi autoincensati che oggi si atteggiano a problem solver credo sia il caso di riavvolgere un po’ il nastro, riassumere le puntate precedenti e guardare un po’ anche nel futuro prossimo del ppi chiaravallese. Se avrete la pazienza di leggere fino in fondo non ve ne pentirete:

20 Luglio 2012 – Con la delibera della giunta regionale (PD) n. 1137 si dà inizio al taglio dei servizi ospedalieri forniti alla comunità;

Luglio 2012 – Grazie alla scusa di dover attuare la spending review del Governi Monti, il Presidente regionale Spacca (PD) propone la chiusura di 13 presidi ospedalieri nelle Marche, tra cui quello chiaravallese. L’allora Sindaco Montali – che, va chiarito, non ha potere di opporsi ad una tale decisione proveniente da Regione e Area Vasta – dichiara al Resto del Carlino (in data 06/07/2012) “ci aspettiamo collaborazione dalla Regione affinché il nostro rimanga un presidio di medicina avanzata e di innovazione tecnologica come lo è stato finora” e l’allora Presidente del consiglio comunale di Chiaravalle Massimo Bitti aggiunge “essendo le Marche in sostanziale pareggio con i conti per la sanità pubblica, l’ospedale e i suoi circa 120 dipendenti non sono a rischio”;

Ottobre 2012 – Grazie alle rotture interne al PD chiaravallese tra i sopracitati Montali e Bitti il fantasma di un commissariamento del Comune di Chiaravalle si fa realtà. A partire dal 10 ottobre la Montali avrà 20 giorni di tempo per dimettersi e far subentrare il commissario prefettizio;

Marzo 2013 – La chiusura del ppi di Chiaravalle sembra inevitabile e tutta la campagna elettorale dei vari schieramenti in gioco per le Amministrative di maggio si incentrerà prevalentemente su questo. Come precedentemente detto per la Montali, va fatto notare però che un singolo Sindaco NON ha alcun potere decisionale sulla materia, che spetta all’Asur e alla Regione (sempre PD);

Aprile 2013Costantini vince le primarie della coalizione Chiaravalle Bene Comune contro Brandoni, chiara espressione del “vecchio regime” essendo stato l’unico assessore confermato in entrambe le giunte Montali, nonché di una certa parte del PD locale (non tutto) fatto di ex amministratori abituati a fare il bello e il cattivo tempo su Chiaravalle da qualche decennio;

Maggio 2013Il taglio dei servizi offerti dall’ospedale di Chiaravalle continua grazie alla delibera n° 735 della giunta regionale (PD);

27 Maggio 2013Costantini (Sel) a capo della coalizione Chiaravalle Bene Comune (PD+Sel) vince le elezioni comunali col 44,85% dei voti;

Luglio 2013Il Sindaco Costantini, unitamente ai colleghi di Monte San Vito e Falconara Marittima, ricorre al TAR per cercare di scongiurare la chiusura del ppi ed altri dipartimenti dell’ospedale chiaravallese;

Fine 2013 – A seguito di un incontro tra Costantini, l’ex consigliere Fabio Badiali (PD) e il Dr. Galassi, allora Direttore Generale dell’azienda ospedaliera Torrette, nasce il “Progetto Torrette” con lo scopo di riportare alcuni servizi all’interno dell’Ospedale di Chiaravalle, tra cui la lungodegenza, piccoli interventi chirurgici, ambulatori per i cittadini alla presenza dei medici di Torrette. Era prevista anche l’ultimazione dei due piani della nuova ala dell’ospedale. Il progetto riceve l’approvazione di Spacca e viene presentato da Galassi ai vertici Asur.

1 Dicembre 2014 – La volontà ferrea del PD regionale di chiudere il ppi di Chiaravalle ha la meglio e gli stessi che oggi (maggio 2016) si atteggiano a salvatori della patria, riducono l’orario del centro di primo intervento, portandolo da 24 a 12 ore giornaliere;

31 Maggio 2015Luca Ceriscioli (PD) vince con il 41,1% le elezioni regionali e diventa Governatore delle Marche;

Giugno 2015 – Il neo Presidente della Giunta Regionale Ceriscioli, dopo aver promesso in campagna elettorale la salvaguardia dell’ospedale di Chiaravalle, cancella la progettualità con l’ospedale di Torrette, licenzia di fatto il dr. Galassi, ritornando ad avere come punto fermo della sua manovra politica l’applicazione rigorosa della delibera 735 e quindi l’eliminazione di numerosi servizi sanitari offerti dall’ospedale di Chiaravalle. A dargli man forte nella scelta ci sono sezioni locali di partiti politici e l’amministrazione di un Comune limitrofo a Chiaravalle, Monte San Vito, probabilmente interessata a convertire l’ospedale in una casa di riposo, avendo nel frattempo dovuto trasferire gli anziani della propria struttura (ancora oggi chiusa) a Falconara Marittima;

Aprile 2016 – Dopo la campagna elettorale del 2015 incentrata sulla salvaguardia dei presidi ospedalieri locali il neo Presidente regionale Ceriscioli (PD) fa dietrofront. Per mesi rifiuta di incontrarsi con l’Amministrazione Costantini e quando lo farà sarà solo tramite un suo membro di segreteria, l’ex Sindaco di Ancona (in carica dal 2007 fino al commissariamento del 2009) Fabio Sturani (PD). Nel mentre i dirigenti Asur frequentano assiduamente la sede locale PD in appuntamenti in cui il Sindaco non viene mai invitato;

5 Maggio 2016 – Il PD regionale fa uscire un comunicato stampa riguardante il successo del “Coordinamento PD della Bassa Vallesina per discutere in merito alla riorganizzazione del presidio sanitario di Chiaravalle” evento a cui hanno partecipato “i vertici del PD marchigiano, con il segretario regionale, Francesco Comi, il capogruppo consiliare, Gianluca Busilacchi, il presidente della Commissione Sanità, Fabrizio Volpini, l’assessore Manuela Bora ed il consigliere Enzo Giancarli.” Tale comunicato non solo conferma gli incontri riportati precedentemente ma evidenzia anche un modus operandi del tutto intrasparente e molto poco democratico in cui le decisioni vengono prese nelle sale di partito anziché nei luoghi preposti;

5 Maggio 2016 – L’Amministrazione comunale Costantini attesta in un altro comunicato stampa che pochi giorni prima “a seguito di un confronto tra l’Amministrazione Comunale e il Direttore di Area Vasta n.2, l’ASUR ha comunicato l’impegno di ripristinare l’apertura del Punto di Primo Intervento dalle ore 8 alle ore 20”. Nello stesso si invita anche ad attenersi ai fatti e non ai facili trionfalismi;

15 Maggio 2016 – Brandoni (PD) dichiara che “Il Sindaco Costantini continua a polemizzare e gettare discredito sul partito di maggioranza locale e sugli amministratori comunali del PD che governarono la città nel decennio precedente”;

1 Gennaio 2017 – Quello che l’attuale segreteria del PD locale (Brandoni Giovanni, Montali, Baldelli, Rocchetti Ivano, ecc… – nata all’insegna del cambiamento) non dice è che a partire da questa data entreranno in vigore gli effetti più nefasti della 735, cioè il passaggio del ppi da 12 a zero ore.

Come dire…prima ti faccio morire di sete, poi ti do un bicchiere d’acqua e sarò il tuo eroe.
Chi la pensa diversamente è un calunniatore.

Francesco Mandolini

Annunci

2 pensieri su “Prima lo tagliano e poi lo riallungano (per poi chiuderlo) – PD, ospedale, Chiaravalle

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...