Israel Nash Gripka: il folk d’autore a Chiaravalle

Standard

Israel Nash Gripka

Israel Nash Gripka

Con il concerto di Israel Nash Gripka, andato in scena lo scorso sabato 29 ottobre 2011 la città di Chiaravalle (AN) continua a stupire e a dimostrarsi sensibile alle sonorità rock statunitensi.

L’evento, organizzato con il patrocinio dell’assessorato alle politiche giovanili e grazie al mastodontico lavoro portato avanti in tempi strettissimi dal bibliotecario/tour promoter Andrea Giancarli, ha visto l’artista folk presentare le sue canzoni più famose presenti negli album New York Town (2009) e Barn Doors & Concrete Floors (2011).

In piena tradizione American Folk (quello alla Dylan e, in parte, Neil Young) Gripka e la sua band non si presentano come dei virtuosi della tecnica, ma come raffinati cantastorie la cui musica sembra nascere con lo scopo di creare un corollario nostalgico al testo, la cui preminenza risulta ovvia nelle composizioni del newyorkese.

Ciononostante Israel non ha esitato nel dimostrare le sue indiscutibili doti vocali quando, durante “Bellwether Ballad”, ha riempito con la sua voce calda e graffiante i cuori e le orecchie dei circa 100 spettatori presenti al Teatro Valle, cantando un’intera strofa sul ciglio del palco a cappella e senza amplificazione.

Quello di Gripka è stato il quarto concerto di importanti song-writer statunitensi sul palco del teatro chiaravallese in altrettanti anni e, vista la propensione al rock d’oltreoceano dell’audience cittadina, c’è da aspettarsi (ed augurarsi) altri show simili in futuro.

di Francesco Mandolini

l’articolo appare anche su whymarche.com

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...