Il costo dell’istruzione

Standard

dal sito de Il Fatto Quotidiano

Chi pochi mesi fa ha scelto di venire a studiare a Londra, magari sperando di scampare alla disoccupazione post-lauream in Italia, si è invece improvvisamente trovato a fare i conti con l’università pubblica più costosa d’Europa. Non che prima fosse propriamente economica, ma oggi la quota annuale da versare si aggira intorno alle 3200 sterline (equivalenti a 3800 euro) e, se ci aggiungiamo gli alti costi degli affitti, che arrivano anche a più di mille sterline al mese in centro per una singola, e dei trasporti pubblici, risulta praticamente impossibile pensarsi solo come studente in questa città. Così, come accade spesso anche in Italia, i ragazzi sono costretti a pagarsi gli studi con i lavori più disparati.

Se poi si ha già una laurea triennale conseguita in Italia, si parte svantaggiati poiché considerati come Elq (Equal Level of Qualification). Cioè, sostanzialmente, le università ti percepiscono come un peso, dato che tu al momento dell’iscrizione possiedi una qualifica del medesimo livello e vieni tassato il doppio di uno studente normale, arrivando così a circa 6400 sterline annue.

E qui viene il bello: i recenti tagli fatti dal governo Cameron – oltre il 70% dei fondi per l’insegnamento e circa il 25% di quelli per la ricerca – metteranno le università in ginocchio (specialmente, sorpresa sorpresa, quelle umanistiche) le quali, secondo le prime stime, dovranno innalzare le tuition fees (questo il nome delle tasse universitarie) almeno fino a 9000 sterline annue solo per riuscire ad arrivare al pari con i costi di professori, personale amministrativo, manutenzione ecc. E lo studente Italiano già bollato come Elq? Questo aspetto non è ancora chiaro, ma se la teoria del “chi ha una laurea triennale paga il doppio delle tasse” dovesse essere applicata si arriverebbe all’astronomica cifra di 18 mila sterline annue per studiare in un’università pubblica. Tutto questo ovviamente nel peggiore dei casi, cioè quello in cui, dopo una triennale in Italia, non si voglia continuare con una laurea magistrale, ma cominciare un percorso di studi in terra inglese.

Dopotutto arrivare a pensare “forse era meglio rimanere a studiare in Italia non è sicuramente un’eresia, ma un legittimo dubbio che insorge in ogni studente italiano trapiantato nella città che non dorme mai.

Francesco Mandolini

Annunci

3 pensieri su “Il costo dell’istruzione

  1. matteo

    Ciao.
    Avrei delle critiche sul tuo articolo che rischia di fare un po’ di disinformazione.

    Primo, il costo di una camera. Con la mobilità che si ha a Londra con la metro, la maggior parte della gente comune( studenti e non) non prende casa in centro o a myfair, south kensington,ecc. ma in altre zone dove le stanze costano dalle 350 alle 650 sterline. Ora vivo al confine tra zona 2 e 3 e pago 440 compreso di tutto, l’anno scorso vivevo al confine tra zona 1 e 2 e pagavo sempre circa 440-450 compreso di tutte le spese.

    Secondo, costo tasse. Ora quasi tutte le università porteranno a 9000 e anche a 12000 sterline il costo annuale che è astronomico, ma non chiederti come mai tu che hai già una laurea uguale alla loro (sulla carta) e vuoi prenderne un’altra dello stesso livello ma a spese dello stato inglese, devi pagare quasi il doppio. se non il doppio comunque un po’ di più è giustissimo a mio parere. è ovvio che vieni visto come un peso (non sei inglese, hai già un titolo di studio uguale). se hai già una triennale e vai in Inghilterra o lavori oppure ti prendi un master o phd. altrimenti paghi di più. Se vuoi fare una triennale ci vai dopo il liceo .

    Terzo, studenti che lavorano per pagarsi gli studi. Non è che stiamo parlando di prostituzione o di spaccio per pagarsi gli studi (anche se con 9000 sterline…..). è una cosa naturale per uno studente non bamboccione o figlio di papà lavorare o lavoricchiare durante gli studi. e tra l’altro nel curriculum fai vedere anche di essere una persona che si è data da fare, quindi tanto di guadagnato. e cmq se ci si impegna si può vivere con 1000 steline al mese tra tutto (e divertendosi anche). parlo per esperienza

    • ciao Matteo
      mi permetto di rispondere alle tue critiche:
      1- sull’articolo non c’è scritto che si è obbligati a vivere nella zona 1 questo è chiaro, ma l’assurdità dei prezzi londinesi che possono arrivare ad essere appunto di oltre 1000 sterline per una singola credo serva a dare la dimensione di quello che possa essere l’estremo raggiungibile. io stesso pago molto meno ma sto i zona 4 e mi ci vuole quasi un ora di metro per essere in centro nelle ore di punta.

      2- per fugare ogni dubbio: no non è il mio caso. ho intervistato altri ragazzi italiani che si sono trovati in questa spiacevole situazione, l’articolo non è autobiografico e voglio che questo sia chiaro.
      ti cito “tu che hai già una laurea uguale alla loro (sulla carta) e vuoi prenderne un’altra dello stesso livello ma a spese dello stato inglese, devi pagare quasi il doppio. se non il doppio comunque un po’ di più è giustissimo a mio parere. è ovvio che vieni visto come un peso” ma stiamo scherzando??? e da quando il diritto allo studio dovrebbe essere un peso? il fatto che sia un ragazzo a muovere queste critiche mi fa anche più rabbia. anzitutto se ti fossi informato sapresti che lo status di ELQ non è valevole solo per gli stranieri ma se ipoteticamente un inglese volesse prendersi un’altra laurea di base (conosciuta come BA o Bachelor) sarebbe automaticamente anch’egli un ELQ. in Italia ad esempio in un caso analogo si verrebbe messi automaticamente in fascia massima poiché fuoricorso, personalmente non sono d’accordo nemmeno su questo ma è sicuramente meglio che pagare 18000 sterline all’anno in un università pubblica!

      3- concordo con te che il fatto che uno studente lavori durante gli studi non sia la fine del mondo, infatti se leggi bene ho aggiunto anche un “come succede in italia”. il fatto è che l’articolo non vuole assolutamente puntare l’attenzione su quel fatto che anche io lo trovo più che normale. per quanto riguarda la mia situazione stai tranquillo che mi sto dando da fare.

      a rileggerci
      Francesco

  2. matteo

    sicuramente londra ha prezzi fuori di testa. ma questa è offerta e domanda. non a caso è da poco stato inaugurato un palazzo davanti ad hyde park da 75 milioni minimo ad appartamento….tutto il resto a scalare poi.
    io ti ripeto sono in zona 2 e l’anno scorso ero in zona 1 e pagavo sui 440 compreso di spese. e non è troppo distante dai prezzi di milano.. poi ovvio se volessi spendere di meno di cose ce ne sono. basta chiedere a tutti gli italiani che lavorano nei ristoranti. e la maggior parte non abita in zone malfamate. tuttavia magari hanno appartamenti meno decenti, senza tv(essenziale per migliorare l’inglese e pronuncia), sporchi o piccoli. dipende dalla fortuna che si ha

    io conosco una ragazza che sta facendo due università alla volta e non paga il doppio perchè considerta elq. un altro ragazzo che conoscevo ha preso due lauree e anche lui non è stato considerato elq (uno inglese, l’altra italiana). Infatti onestamente questa cosa che hai citato mi suonava nuova. conta però che tu straniero vai all’estero e fai spendere allo stato che ti ospita soldi per prenderti un titolo che già hai preso. secondo me non è così sbagliato.ovvio il doppio è da pazzi, ma una percentuale in più, inferiore al 30% secondo me è giusta.per uno straniero…lo fanno già anche per i phd. sai che molti italiani fanno fatica a fare un phd in inghilterra(negli ultimi anni) perchè si sta riempiendo di cinesi e c. che pagano molto di più per il fatto di non essere europei.e quindi pagando di più vengono accettati maggiormente.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...